CATEGORIA

Wicca

Il culto della ‘Wicca’ in Italia, le streghe (moderne) son tornate: incantesimi, rituali pagani e danze liturgiche

A 60 anni dalla fondazione, la più diffusa religione neopagana del mondo ha migliaia di adepti nel nostro paese. Ecco gli wiccan, tra magia buona, coltelli rituali e pregiudizi.

La caccia alle streghe è finita da secoli, ma la stregoneria va ancora di moda. In tutta Italia, al giorno d’oggi, si celebrano incantesimi, rituali pagani e danze liturgiche intorno a un fuoco. Le streghe e gli stregoni moderni, però, non hanno nulla a che vedere con diavoli e malefici. Anzi, la loro “regola d’oro” è: fai ciò che vuoi finché non fai male a nessuno. Preferiscono essere chiamati wiccan, cioè membri della wicca: si tratta della religione neopagana più diffusa del mondo, che fonde tecniche sciamaniche, culti druidici e credenze popolari e medievali. Gli wiccan venerano principalmente la natura e i suoi cicli. Il divino è immanente in ogni cosa e viene riassunto in due principi contrapposti e complementari: la Dea e il Dio. Se la Dea è la luna, il Dio è il sole. La Dea è l’acqua e la terra, il Dio è l’aria e il fuoco. Secondo la wicca l’alternanza e lo scambio tra le due forze, maschio e femmina, sta alla base del divenire del mondo. Leggi il resto

Cos’è lo Zen?

Lo Zen è una forma di buddhismo giapponese, derivata nel 12°-13° sec. dalla scuola cinese Chan.

La parola zen proviene dalla parola cinese chían che a sua volta una translitterazione della parola sanscrita dhyana, che significa meditazione. Diverse forme di meditazione esistevano prima dalla nascita del Buddha Gotama, ad esempio, le forme di meditazione dello Yoga e così via.
Le scuole del Buddhismo Zen derivano per lignaggi, dottrine e testi strettamente (anche se con delle specifiche evoluzioni) da quelle del Buddhismo fondato in Cina dal leggendario monaco indiano Bodhidharma. Furono trasferite nell’arcipelago giapponese da monaci Tendai di ritorno dai loro viaggi in Cina.
L’introduzione del Buddhismo Zen, come scuola autonoma, in Giappone ha avuto un processo piuttosto sofferto. Tali difficoltà non si riscontrarono tanto nel trasferimento di dottrine, testi e lignaggi quanto piuttosto nel rendere autonomo lo Zen dalla scuola Tendai.
Nel Buddhismo si pratica la meditazione che consistente nello stare seduti nella medesima postura in un medesimo stato di corpo e mente del Buddha Gotama. In questa postura, facciamo l’esperienza del Dharma, la semplice realtà che sta di fronte a noi, tale quale, senza più il minimo filtraggio dal pensiero, la speranza, le intenzioni, le ambizioni, i gusti ed i disgusti. Leggi il resto

I tipi di Magia

Ci sono vari tipi di magia, anche se quella più famosa (e temuta) è sicuramente la magia nera. Ad essa, caratterizzata dallo scopo di danneggiare qualcuno o qualcosa, si contrappone la magia bianca, che evidentemente racchiude in sé tutti i presupposti positivi dell’aiuto altrui. I limiti, tuttavia, non sono così chiari e delineati come potrebbe sembrare. Infatti, un incantesimo per far innamorare una persona di sé o di qualcun altro potrebbe sembrare un atto di benevolenza. Invece questo tipo di pratica magica è da annoverare tra i riti negativi della magia nera, dato che piega la volontà e la libera scelta. Leggi il resto

L’eclissi solare: il significato esoterico

Tra due giorni, in Italia si potrà assistere ad un fenomeno estremamente affascinante: un’eclissi solare. Staremo tutti con il naso all’insù, magari proteggendoci con vetri oscurati, completamente rapiti da qualcosa che, nell’immaginario collettivo rappresenta non solo un’attrazione ma soprattutto un lungo brivido. Leggi il resto

Storia degli Amuleti

Gli amuleti primitivi sono oggetti naturali; gli altri, cioè gli amuleti secondarî o artificiali, o d’imitazione, si hanno allorquando mediante processi tecnici si riproducono amuleti naturali. Sotto il primo riguardo possiamo dire che i tre regni della natura sono rappresentati: gli animali, le piante, i minerali; i primi per alcuni particolari attributi dell’organismo o di qualche sua parte, le seconde per le specifiche qualità del legno, delle foglie, dei fiori, dei frutti; i minerali per la forma che in certi casi essi hanno, o per il colore o per la rarità.
Il selvaggio cacciatore si adorna con gli avanzi della fiera uccisa (artigli, zanne, pelle, penne) o con quelli del nemico abbattuto (scalp, denti, ossa e frammenti di ossa, capelli ecc.), attribuendo ai suoi trofei carattere magico, ora protettivo ed ora acquisitivo di nuove energie. Presso le nazioni colte, il popolano porta i suoi amuleti nelle scarpe, nel petto, al collo, nel cinturino, nascosti, in mostra, in forma di pentacoli o in sacchettini, a scopo antistregonico o terapeutico. Leggi il resto


MONIA

Astrologo AZUS

ANNA

Astrologo AZUS

CARMEN

CHIARA

CRISTIAN

DAVIDE

DIANA

ERIKA

EVA

IGOR

IRIS

Laboratorio Alchemico

LAYLA

LIDIA

LUCE

LUCIA

MARIKA

MAVI

MIRANDA

MIRÒ

MONIA

MORENA

MORGANA

OLIMPIA

ROSA

ROSSANA

SARAH

SYLVIE

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com